Deglutizione atipica

Il lattante assume il latte attraverso il seno o la tettarella del biberon sporgendo lievemente la lingua tra le gengive e stringendo le labbra per cercare nella bocca una pressione che gli permetta di ingoiare.

La trasformazione da deglutizione infantile a quella adulta avviene in genere entro i 6 - 8 anni, ma molti bambini (e adulti), continuano a mantenere la deglutizione infantile oltre il periodo considerato normale.

Spesso le cause sono il protrarsi dell'uso del biberon, del ciuccio, del succhiamento del pollice, l'onicofagia e le affezioni del cavo nasale che portano il bambino ad una respirazione prevalentemente orale per cui le arcate dentarie non si chiudono, obbligando la lingua in basso, portandola a spingere in avanti durante la deglutizione.

La respirazione orale protratta nel tempo con conseguente spinta in avanti della lingua, porta a delle modificazioni dello sviluppo del palato, delle arcate dentarie e della posizione dei denti.

Anche alcune dislalie sono causate dalla spinta linguale.

Difatti queste non vengono corrette con esercizi specifici di deglutizione ma la semplice esercitazione della corretta postura linguale, durante la deglutizione a riposo e in masticazione, sarà sufficiente per ritrovare il luogo e il modo di articolazione verbale corretto.

In una deglutizione normale l'apice della lingua scivola sullo spot, il dorso è contro il palato duro, la radice si inclina di 45 gradi con la parte posteriore contro la parete faringea.

Nella deglutizione deviata l'apice della lingua è contro i denti, il dorso è collassato, la radice è elevata contro la parte posteriore del palato duro.

 

TERAPIA MIOFUNZIONALE

Per Terapia Miofunzionale si intende un trattamento funzionale che si avvale dell'applicazione della forza muscolare mirante ad un equilibrio o ad un bilanciamento della muscolatura oro facciale e ad una deglutizione di tipo adulto.

Nei bambini serve a correggere le abitudini viziate, per favorire una normale crescita muscolare, per aiutare il trattamento ortodontico e correggere i problemi di sbilanciamento muscolare dopo tale trattamento, per evitare e correggere i problemi articolari di linguaggio.

Negli adulti la terapia serve per preparare al trattamento ortodontico o per un eventuale protesi dentaria, per preparare il Paziente alla chirurgia orale ed evitare recidive dopo l'intervento, per correggere dolori mio facciali, per correggere abitudini viziate, per il bruxsismo.

 

TRATTAMENTO

  • ESERCIZIO DI POSIZIONAMENTO DELLA LINGUA E DELLO SPOT: la Logopedista indica al Paziente quale sia la posizione dello spot comprimendo con il polpastrello il punto dove vuole venga posizionata la punta della lingua.
     
  • LINGUA A POSTO A BOCCA APERTA: il Paziente viene invitato  a mantenere la punta della lingua sullo spot all'inizio per pochi secondi, successivamente si aumenta la durata del tempo. Spesso dalla prima seduta si utilizza un elastico ortodontico posto poco davanti la punta della lingua, dopo si chiede al Paziente di sollevare la lingua allo spot contando i secondi.
     
  •  LINGUA A POSTO A BOCCA CHIUSA: il Paziente deve tenere sollevata la lingua allo spot mantenendo però la bocca chiusa.L'esercizio va iniziato da 5 minuti al giorno fino al massimo di un'ora, ed è importante questa fase perché abitua il Paziente ad una postura linguale corretta e ad acquisire una giusta dinamica respiratoria.
    Quest'ultimo esercizio va ripetuto nello stesso identico modo ma con l'aggiunta di un secondo elastico posto sul dorso della lingua in modo tale che la punta tocchi lo spot e il dorso aderisca al palato.
     
  • SUCCHIA E INGOIA: la Logopedista spiega al Paziente che deve mettere un elastico sulla punta della lingua, poggiare la punta della lingua allo spot, chiudere i denti, aprire le labbra, risucchiare la saliva ed ingoiare.
    Stesso esercizio con un secondo elastico posto sul dorso della lingua e far percepire al Paziente che poggia sullo spot, il dorso che aderisce al palato ed il movimento ad onda durante la deglutizione che la lingua fa verso la gola.
     
  • INGOIA SENZA RISUCCHIO: questo esercizio va fatto quando il Paziente è in grado di effettuare un buon movimento, quindi un atto deglutitorio corretto. dopo qualche giorno di allenamento, l'esercizio va fatto senza elastici.
     
  • CRACKERS: si comincia con gli alimenti solidi.
    Questa fase va affrontata quando il Paziente riesce ad eseguire abilmente gli esercizi precedenti e quando ha già allenato la parte centrale della lingua e lo si invita a masticare un pezzetto con i denti chiusi.
    Dopo aver fatto una pallina e averla posto sul dorso della lingua, poggia l'elastico sulla punta della stessa e procede alla deglutizione come "nell'ingoia senza risucchio", facendo attenzione a contrarre i masseteri.
     
  • YOGURT: si procede con alimenti semisolidi e la Logopedista dice al paziente di tenere in bocca un cucchiaino di yogurt con i denti chiusi, lasciare le labbra staccate e deglutire come gli è stato insegnato "nell'ingoia senza risucchio".
     
  • ACQUA: si termina con i liquidi.
    Il Paziente deve bere un piccolo sorso d'acqua, tenerlo in bocca, chiudere i denti, lasciare le labbra staccate, ingoiare l'acqua appoggiando la punta della lingua sullo spot, contraendo i masseteri e spingendo forte la lingua contro il palato.
     
  • La FINE DEL TRATTAMENTO consiste nel trovare delle strategie atte a far diventare cosciente la deglutizione e poter controllare se questa avviene correttamente, come mettere un oggetto vicino al piatto, dei foglietti promemoria da attaccare nei posti in cui il Paziente sta più di frequente in casa.
     

 

 

PROPOSTE RIABILITATIVE

Cicli da 10 sedute

30 minuti di trattamento effettuato da Logopediste Specializzate

 

 

 

 

 

 

  Per maggiori informazioni e per prenotare un trattamento personalizzato presso i nostri Centri Ambulatoriali San Stef. Ar. Abruzzo:

  • contattare il numero 0861 1828007 (Segreteria Consorzio San Stef. Ar. Abruzzo)
  • inviare una mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


Scarica la brochure

Resta Informato

Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle novità dei centri SAN STEF.AR. ABRUZZO.
Privacy e Termini di Utilizzo

Cerca nel sito

Powered by RENMA Solution